Categorie
Problemi

Dominio Alias Problemi coi Trasferimenti Siti

Già abbiamo evidenziato i problemi di indicizzazione che porta un uso non adeguato del settaggio degli alias del dominio ( Indicizzazione a macchie di Leopardo ).

Aggiungiamo un altro problema che potrebbe essere collegato.
Abbiamo un dominio sul provider Register e lo passiamo sul provider Tophost controlliamo l’indicizzazione e ci accorgiamo che le pagine interne del sito sono indicizzate mentre la home in precedenza indicizzata adesso è scomparsa.

La causa piu probabile potrebbe essere imputabile al passaggio dello spider in un momento in cui il server era out oppure i server DNS non erano ancora aggiornati.

Pero….
Controlliamo su www.bing.com il nuovo motore Microsoft e troviamo il sito posizionato ma con la versione alias del dominio cioè senza www
A questo punto facciamo il controllo e su tophost non è attivato di default l’alias senza www questo comporta che sul motore  bing ho pagine indicizzate che danno errore 404 (non si vedono) e mi evidenzia una seconda possibilità che giustifica la mancata indicizzazione della home

Tabella dei provider e del loro settaggio alias

Provider www.dominio.ext dominio.ext
www.register.it si si
www.tophost.it si no
www.misterdomain.eu si si
www.seeweb.it si no
www.tiscali.it si si
www.unibit.it si si
www.aruba.it si si

Terapia:
Attendere il prossimo passaggio dello spider tutto dovrebbe andare a posto
Eventuale riproposizione della site map
Se ci sono pagine interne oltre alla home indicizzate in maniera errata si puo usare il file .htaccess per fare dei “Redirect permanent”

1 risposta su “Dominio Alias Problemi coi Trasferimenti Siti”

Purtroppo il SEO deve controllare molte cose e una di queste è proprio la canonicalizzazione degli URL. Daltronde lo stesso google nella sezione impostazioni del servizio http://www.google.it/webmaster per ogni sito consente di effettuare la scelta del tipo di dominio preferito (dominio canonico) fra http://www.nomedominio.ext e nomedominio.ext.

Inoltre a questo link
spiega chiaramente la problematica di indicizzazione che si presenta.

Ad esempio, se indichi http://www.example.com come dominio preferito e noi rileviamo un link al tuo sito formattato come http://example.com, seguiamo tale link come http://www.example.com. Inoltre, teniamo conto delle tue preferenze quando visualizziamo gli URL. Se non specifichi un dominio preferito, possiamo trattare le versioni www e non www del dominio come riferimenti distinti a pagine distinte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *